Re Carlo assediato dai topi

Nel Regno Unito non ci sono attualmente guerre e conflitti. Ma adesso Re Carlo è letteralmente assediato dai topi

Uno dei nemici millenari dell’essere umano è il roditore per eccellenza: il topo. Queste due specie hanno convissuto insieme per moltissimo tempo, ma non sono mai andati d’accordo.

Re Carlo assediato dai topi
In Inghilterra hanno un problema con i topi (ansa) – Rationalinternational.net

In questo momento però, c’è una vera e propria guerra in atto e non è nemmeno così lontana da noi. Si sta svolgendo in Regno Unito e in poco tempo ha assunto in breve le dimensioni di una vera e propria invasione. Re Carlo d’Inghilterra, infatti, è letteralmente assediato dai topi. Ecco che cosa sta succedendo.

L’invasione dei topi in Inghilterra

Recentemente l’Inghilterra è stata interessata da un’invasione famelica di roditori metropolitani. A riportare il dato secondo cui i topi in Inghilterra sono aumentati di dieci volte è uno studio pubblicato dalla Bbc. Sono numeri impressionanti che fanno comprendere quanto questa specie sia in grado di adattarsi e di riprodursi in qualsiasi epoca e praticamente in qualsiasi condizione. I topi sono animali noti per le loro capacità di adattamento, oltre ad essere in grado di moltiplicarsi a ritmi impressionanti.

Re Carlo assediato dai topi
Si sono moltiplicati per dieci volte (ansa) – Rationalinternational.net

Il problema maggiore sembra riguardare la parte meridionale del Paese, in particolare le regioni di Berkshire e Oxfordshire. Qualsiasi strategia adottata per debellare i fastidiosi roditori sembra praticamente inutile. A colpire sono le dimensioni sempre più grandi che fanno pensare a qualche tipologia di adattamento e resistenza ai veleni utilizzati per sconfiggerli. Il fenomeno è particolarmente preoccupante soprattutto se si pensa che, come abbiamo visto, potrebbe espandersi a macchia d’olio su tutta l’isola britannica e oltre. Secondo il paleobiologo dell’università di Leicester, Jan Zalasiewicz, sarebbe bene abituarci al  fatto di dover convivere con un numero sempre maggiore di ratti intorno a noi. “La loro influenza globale è destinata a crescere – ha detto lo scienziato – e lo faranno mano a mano che gli altri mammiferi si estingueranno”.

Lo scienziato britannico spiega quanto sia difficile debellare le colonie di topi che decidono di insediarsi nelle diverse zone del mondo. “Ogni vuoto nell’ecosistema – spiega Zalasiewicz – viene colmato in maniera molto rapida“. I topi, in questo senso, sono una specie particolarmente incline ad occupare questi vuoti. La mancanza di predatori naturali, come ad esempio i serpenti, ancor più che i gatti, fa sì che i topi non si sentano più in pericolo. Una situazione alimentata dalle condizioni igienico sanitarie, soprattutto nelle aree urbane, dovute al sovrappopolamento delle città.

Impostazioni privacy