Israele spalle al muro, da sola

Israele continua a portare avanti la sua causa e decide fermamente di non accordare nessuna tregua umanitaria con Gaza.

In un momento critico dei conflitti nella Striscia di Gaza, il governo israeliano ha dichiarato con fermezza che non ci sarà alcuna tregua umanitaria con l’organizzazione islamista palestinese Hamas. La portavoce del governo israeliano, Ilana Stein, ha sottolineato che la decisione deriva dal timore che Hamas possa violare il cessate il fuoco.

Israele nega una tregua a Gaza
Israele non vuole concedere una tregua umanitaria – ph. Ansafoto – Rationalinternational.net

 

La possibilità di una tregua sembrava essere sul tavolo nelle ultime settimane, con presunte trattative tra Israele e Hamas, mediati da attori terzi. Tuttavia, tali voci sono state ufficialmente smentite da Stein durante una conferenza stampa. La posizione israeliana sembra essere radicalmente diversa rispetto a quanto visto in passato. Infatti nel novembre scorso sia l’esercito israeliano che i miliziani di Hamas avevano rispettato una tregua mediata principalmente dal Qatar.

Perché non ci sarà tregua

La portavoce del governo ha chiarito che in passato ci sono state tregue per motivi umanitari, ma Hamas le ha violate. La crescente diffidenza tra le parti, alimentata dall’escalation del conflitto, ha portato il governo israeliano a respingere qualsiasi ipotesi di tregua. Israele teme che ciò possa compromettere i suoi obiettivi chiave. Tra questi obiettivi rientrano la distruzione dei quadri operativi di Hamas e la cattura dei principali responsabili del movimento.

Israele teme che Hamas non rispetti la tregua
Israele non vuole rinunciare a procedere nella distruzione di Hamas – ph. Ansafoto – Rationalinternational.net

 

Il governo di Netanyahu, sostenuto anche da partiti religiosi, è particolarmente determinato a non rinunciare alla distruzione di Hamas, al recupero degli ostaggi e all’eliminazione della minaccia per la sicurezza di Israele proveniente dalla Striscia di Gaza. La decisione di non accettare una tregua sembra quindi essere motivata dalla volontà di mantenere il controllo sullo svolgimento delle operazioni militari e perseguire gli obiettivi dichiarati.

Nonostante la negazione di una tregua, nei giorni precedenti erano emerse indiscrezioni su trattative in corso, mediati dal Qatar. Tuttavia, entrambe le parti sembrano aver respinto le proposte reciproche, mantenendo una posizione di stallo nei colloqui. La morte di ostaggi israeliani e la crisi umanitaria grave scatenata dalla guerra hanno generato pressioni internazionali per una tregua, ma le parti coinvolte sembrano essere irremovibili nelle rispettive posizioni. Inoltre, gli Stati Uniti hanno esercitato pressioni su Israele, suggerendo che la soluzione a due Stati non è impossibile. Questo potrebbe rappresentare un ulteriore elemento di complessità nelle dinamiche dei negoziati e delle decisioni politiche da parte di Israele.

Mentre la possibilità di una tregua sembra al momento remota, le trattative potrebbero continuare nelle prossime settimane. Tuttavia, le speranze per un cessate il fuoco immediato appaiono scarse, e la comunità internazionale dovrà probabilmente aspettare a lungo prima di assistere a un cambiamento significativo nella situazione nella Striscia di Gaza.

Impostazioni privacy