I russi si avvicinano

Non è affatto un bel momento per l’Ucraina e per le forze di Kiev. L’esercito russo sembra poter avanzare indisturbato

Gli ultimi mesi sono stati particolarmente frustanti per l’Ucraina e per le forze a difesa del territorio dello Stato dell’Est Europa.

I russi si avvicinano
L’esercito russo continua a recuperare terreno (ansa) – Rationalinternational.net

Ma negli ultimi giorni la situazione sul campo si è resa ancora più difficile, con l’esercito di Mosca che ha iniziato a guadagnare terreno e a contrastare sempre più efficacemente le forze di Kiev. Ora i russi si avvicinano sempre di più a Kiev e, di conseguenza all’Occidente. Ecco che cosa sta succedendo.

I russi provano a sfondare

Sono momenti difficili per le forze di difesa ucraine. Nelle scorse ore i soldati russi hanno assaltato Marinka e Avdiivka, dove continuano violenti scontri ormai da mesi. L’esercito di Mosca sta provando a conquistare il controllo del territorio prima che l’anno finisca o comunque il prima possibile. Gli ultimi trenta giorni sono stati incredibilmente complessi per l’esercito ucraino. Questo è dovuto soprattutto all’incremento del numero degli assalti e dei bombardamenti di artiglieria da parte dell’esercito di Putin. Sicuramente il periodo peggiore per i difensori di quei territori dall’inizio del conflitto con la Russia.

I russi si avvicinano
L’esercito ucraino è in grande difficoltà (ansa) – Rationalinternational.net

In questo momento l’armata russa continua ad avanzare su circa sette fronti. I combattimenti si concentrano infatti nel Donetsk e Luhansk, nell’ormai famoso Donbass. Ma l’esercito russo sembra poter recuperare terreno anche nei pressi di Zaporizhzhia, in modo da ostacolare i tentativi dell’Ucraina di entrare in Crimea. Non è un momento facile nemmeno per quanto riguarda il front interno in Ucraina, con il presidente Zelensky che sembra ormai arrivato ai ferri corti con il generale dell’esercito Zaluzhny. Quest’ultimo aveva infatti criticato aspramente la richiesta di difendere a tutti i costi Bakhmut, città considerata irrilevante dal punto di vista strategico per l’andamento della guerra.

Una difesa più politica che militare, che aveva quindi esposto moltissimi soldati ucraini al fuoco russo, alimentando le perdite. Caduti che, a differenza della Russia di Putin, l’Ucraina non si può permettere. Ogni soldato per l’esercito ucraino è prezioso, in quanto non vi è la stessa disponibilità di risorse umane di cui può invece godere Putin. In questo momento, infatti, in Ucraina vi è un ampio dibattitto su quale sia la migliore scelta per poter incentivare i cittadini ucraini ad arruolarsi nell’esercito. In questo momento Kiev ha infatti urgente bisogno di ingrossare le fila del proprio esercito e di pareggiare il numero degli uomini con quelli dell’esercito russo.

Tuttavia, l’esercito di Mosca continua ad avanzare e a conseguire vittorie. Si tratta di risultati marginali e di poco conto dal punto di vista militare, ma che fanno bene al morale delle truppe russe. In questo momento, infatti, a fare la differenza sembra essere l’approccio alla guerra e la voglia di avanzare e conquistare i propri obiettivi. E la Russia attualmente sembra potersi permettere di crederci di più.

Impostazioni privacy