Il Congresso ha paura di Trump

La decisione presa per evitare scelte azzardate in caso di ritorno di Trump alla presidenza degli Stati Uniti

Mentre le elezioni presidenziali americane si avvicinano, si inizia a delineare anche quello che potrebbe essere il futuro decisionale degli Stati Uniti in ambito estero.

Il Congresso ha paura di Trump
Il Presidente degli Stati Uniti fa tremare il Congresso (ansa) – Rationalinternational.net

Il Congresso federale degli Stati Uniti ha infatti approvato un disegno di legge che vieta a qualsiasi presidente Usa di revocare in maniera unilaterale l’adesione alla Nato. Una decisione che sa tanto di paracadute, nel caso l’esito delle prossime elezioni dovesse sancire Trump come nuovo Presidente degli Stati Uniti.

Trump non potrà lasciare la Nato

Il provvedimento è stato promosso dal senatore democratico Tim Kaine della Virginia e da Marco Rubio, repubblicano della Florida. L’approvazion è arrivata anche dalla Camera dei Rappresentanti e si attende la firma del presidente Joe Biden dopo che la normativa è stata inclusa nella legge di bilancio della Difesa. Si tratta di un provvedimento che “ribadisce il sostegno degli Stati Uniti a questa cruciale alleanza – ha affermato il senatore Kaine – importantissima per la nostra sicurezza nazionale”. Uno strumento utile, per il senatore Rubio, che permetterà al Congresso di supervisionare meglio l’operato dei prossimi presidenti degli Stati Uniti.

Il Congresso ha paura di Trump
Un provvedimento per evitare sbandamenti da parte di Trump (ansa) – Rationalinternational.net

Non si tratta di un provvedimento promosso per caso. Lo stesso Donald Trump, infatti, aveva criticato la Nato mettendo in dubbio la presenza degli Stati Uniti, nonostante fosse un membro fondatore. Durante il suo mandato alla Casa Bianca, infatti, il tycoon non aveva risparmiato critiche nei confronti del Patto Atlantico. L’ex presidente aveva fatto emergere la possibilità che gli Stati Uniti potessero davvero uscire dall’Alleanza militare. Nel programma dell’ex presidente, candidato ufficialmente alle prossime elezioni previste per novembre 2024, viene infatti riportato che intenderà “rivalutare radicalmente lo scopo e la missione della Nato“. Un’organizzazione che negli anni aveva perso la sua importanza e diventava sempre più marginale nella geopolitica internazionale. Ma a seguito dell’invasione russa in Ucraina, lo scopo della Nato è tornato centrale. Sia Finlandia che Svezia – storicamente Paesi neutrali – si sono infatti affrettate ad entrare nell’Alleanza Atlantica.

Da settimane ormai non si fa altro che concretizzare lo spauracchio dei democratici americani. Joe Biden dovrebbe presentarsi alle prossime elezioni presidenziali, ma la sua età avanzata lo fa apparire fragile e con un sostegno sempre minore da parte dei cittadini americani. Attualmente il favorito alla vittoria delle prossime elezioni presidenziali, infatti, sembra essere proprio Trump. Il provvedimento che ha avuto il via libera al Congresso americano, infatti, potrebbe evitare lo spauracchio dell’uscita dalla Nato da parte degli Usa. L’idea, quindi, è quella di evitare un colpo di testa da parte di Trump. Il quale sembra essere sempre più vicino a ricoprire l’incarico di presidente.

Impostazioni privacy