Rimini, foto a bambino in obitorio

Un gesto macabro e inquietante: un uomo di Rimini si scatta un selfie sorridente con il cadavere di un bambino

Un uomo di Rimini è stato arrestato con l’accusa di vilipendio di cadavere dopo aver scattato un selfie sorridente con il corpo di un bambino deceduto. Il fatto è avvenuto lo scorso mese, quando l’uomo, che non è stato identificato per tutelare l’identità del minore, è riuscito a introdursi nell’obitorio dell’ospedale di Rimini.

obitorio- un macabro episodio
E’accaduto in obitorio: un uomo di Rimini si scatta un selfie con un cadavere di un bambino (Ansa) (www.rationalinternational.net)

Una volta all’interno, ha trovato il cadavere di un bambino e ha deciso di scattarsi un selfie con lui. Ma procediamo un passo alla volta. Per conoscere tutti i dettagli riguardanti questa macabra vicenda, resta con noi durante la lettura di questo articolo!

Scatto macabro in obitorio: uomo arrestato per vilipendio di cadavere

Un uomo di Rimini è stato arrestato con l’accusa di vilipendio di cadavere dopo aver scattato un selfie sorridente con il corpo di un bambino deceduto. Il fatto è avvenuto lo scorso mese, quando l’uomo, che non è stato identificato per tutelare l’identità del minore, è riuscito a introdursi nell’obitorio dell’ospedale di Rimini. Una volta all’interno, ha trovato il cadavere di un bambino e ha deciso di scattarsi un selfie con lui. Nella foto, l’uomo sorride e tiene il cadavere per mano. L’uomo ha poi inviato la foto a un gruppo di feticisti su una chat online. Tuttavia, uno dei membri del gruppo ha giudicato il gesto estremo e disturbante e ha deciso di denunciarlo alle forze dell’ordine. Gli agenti hanno rintracciato l’uomo e lo hanno arrestato. L’uomo è accusato di vilipendio di cadavere, un reato che prevede una pena da sei mesi a tre anni di reclusione.

Polizia-arrestato uomo
Polizia: uomo arrestato per vilipendio di cadavere (Ansa) www.rationalinternational.net)

Il gesto dell’uomo è particolarmente macabro e inquietante. Non solo ha violato la dignità del cadavere di un bambino, ma ha anche condiviso la foto con altre persone, esponendo il minore a un ulteriore oltraggio. L’episodio è una grave violazione dei diritti dei bambini e testimonia la presenza di una pericolosa sottocultura di feticisti che si nutre della sofferenza altrui. È importante ricordare che i cadaveri sono persone e meritano di essere trattati con rispetto

I cadaveri sono persone che hanno perso la vita, ma che conservano la loro dignità. È importante ricordare che anche i cadaveri meritano di essere trattati con rispetto. Il gesto dell’uomo di Rimini è un’offesa alla memoria del bambino deceduto e alla sua famiglia. È un gesto che non va assolutamente tollerato.

Impostazioni privacy