Caserta, la madre era nel baule

L’incredibile scoperta del corpo di una donna anziana all’interno di un baule: “Si trovava lì da almeno un mese”

Macabro ritrovamento avvenuto nelle scorse ore all’interno di un’abitazione di Mondragone, in provincia di Caserta.

la madre era nel baule
Il corpo senza vita della donna era nel baule (Immagine d’archivio) – Rationalinternational.net

All’interno di un baule dell’abitazione, infatti, è stato scoperto il cadavere di Concetta Infante, una donna di 77 anni della provincia. La sua scomparsa non era stata segnalata da nessuno e il decesso, secondo gli inquirenti, risalirebbe a circa un mese fa. Ma ci sono dei dubbi per quanto riguarda la sua famiglia.

Nessuno aveva segnalato la sua scomparsa

Il macabro ritrovamento è stato fatto da una delle delle figlie della donna ritrovata senza vita all’interno del baule. La donna non viveva con sua madre, la quale invece viveva nell’appartamento di via Razzini insieme ad un’altra sua figlia. I carabinieri l’hanno trovata all’interno dell’abitazione dopo la segnalazione del ritrovamento del cadavere. Gli inquirenti hanno quindi ascoltato entrambe le sorelle per alcune ore, oltre ad altri componenti della famiglia. Sul cadavere ritrovato nell’appartamento verrà eseguita l’autopsia da parte dell’istituto di medicina legale di Caserta. i risultati daranno ulteriori risposte sulla causa della morte della donna.

la madre era nel baule
Gli inquirenti indagano (ansa) – Rationalinternational.net

In questo momento, infatti, ci sono più dubbi che certezze. Perché è passato così tempo prima che avvenisse la segnalazione? Come mai il corpo della donna era stato messo in un baule e soprattutto qual è il ruolo della figlia che abitava con la donna deceduta? Ad ogni modo i risultati degli esami saranno poi confrontati con le dichiarazioni rilasciate dai famigliari ascoltati dagli inquirenti. Le indagini sono condotte dai carabinieri del reparto territoriale di Mondragone, in coordinamento con la Procura di Santa Marai Capua Vetere. Sarà inoltre importante capire se il decesso della donna è avvenuto per cause naturali oppure per omicidio.

In questo momento gli inquirenti ipotizzano il reato di occultamento di cadavere. Per questo le forze dell’ordine hanno disposto il sequestro dell’immobile, in modo da permettere alla scientifica di poter raccogliere elementi importanti che potranno aggiungersi alle informazioni in possesso degli investigatori. Attualmente non si sta escludendo nessuna pista e, tra queste, vi è anche la possibilità che l’occultamento del cadavere sia stato eseguito per poter continuare a ricevere benefici economici di cui usufruiva la donna deceduta. Tuttavia, questa ipotesi non è stata ancora confermata con prove certe e si dovranno attendere l’esito degli esami ed eventuali nuovi elementi che chiariscano ulteriormente la vicenda.

Impostazioni privacy