Censura e odio, Zelenskj sembra Putin

L’Ucraina è di nuovo al centro delle polemiche a causa del “caso Poroshenko” che vedono Zelenskj promotore di censure e odio.

L’Ucraina si trova nuovamente al centro delle polemiche, questa volta per il cosiddetto “caso Poroshenko”. Sembra che Zelenskj abbia impedito a Petro Poroshenko, ex presidente del Paese tra il 2014 e il 2019,di lasciare il territorio ucraino. L’incidente ha avuto luogo mentre Poroshenko era in procinto di incontrare il primo ministro ungherese Viktor Orbán. Le autorità di sicurezza di Kiev, la Sbu, hanno bloccato il suo viaggio. Hanno affermato che l’incontro avrebbe potuto essere strumentalizzato da Mosca per operazioni informative e psicologiche contro l’Ucraina.

censure e divieti da parte di Zelenskj
Zelenskj vieta all’ex presidente Poroshenko di lasciare l’Ucraina – ph Ansafoto

 

La figura di Petro Poroshenko è stata al centro di momenti politici cruciali durante il suo mandato, con la guerra nel Donbass, la crisi economica, e la questione della Crimea. Il suo periodo presidenziale ha visto l’Ucraina allinearsi sempre più all’Occidente, segnando un periodo di cambiamenti epocali destinati a plasmare il futuro della nazione. Tuttavia, la recente controversia solleva interrogativi sulla direzione politica attuale del Paese. L’episodio più recente ha visto Poroshenko fermato alle frontiere mentre cercava di viaggiare per incontri diplomatici di alto livello, compresi quelli negli Stati Uniti. La Sbu ha giustificato il divieto sostenendo che l’incontro programmato con Orbán avrebbe potuto danneggiare l’Ucraina, affermazione che ha suscitato reazioni contrastanti sia a livello nazionale che internazionale.

Le reazioni dei vari Paesi

Il portavoce del governo ungherese, Zoltan Kovacs, ha risposto alle accuse della Sbu sostenendo che l’Ungheria non desidera immischiarsi nelle questioni politiche interne ucraine. Inoltre, le reazioni al divieto imposto a Poroshenko non si sono fatte attendere. Ivanna Klympush-Tsintsadze, vicepresidente durante gli anni di presidenza di Poroshenko, ha definito l’accusa di coinvolgimento anti-ucraino dell’incontro con Orbán “assurda”. In un’intervista a La Repubblica, ha espresso preoccupazione per l’uso dei servizi segreti per giustificare azioni politiche ritenute miopi. La Klympush-Tsintsadze ha anche dichiarato che questo episodio segna un rischio reale di involuzione autoritaria in Ucraina, sottolineando che lei stessa è stata soggetta allo stesso divieto inflitto alle autorità di Kiev al capo dell’opposizione.

le azioni di censura di Zelenskj
Divieto per Poroshenko di lasciare il Paese per paura di ripercussioni sull’Ucraina da parte della Russia – ph. Ansafoto

 

La missione di Poroshenko nel suo incontro con Orbán, secondo la Klympush-Tsintsadze, aveva l’obiettivo di persuadere Orbán a superare le sue riserve. Tale interpretazione si scontra direttamente con la versione fornita dai servizi segreti ucraini. La situazione solleva importanti interrogativi sulla libertà politica in Ucraina e sulla trasparenza delle decisioni prese dalle autorità. La censura e il divieto di viaggio nei confronti di un ex presidente possono essere interpretati come segnali di una crescente polarizzazione politica e di un clima di ostilità che minaccia di dividere ulteriormente la società ucraina. Al di là delle dinamiche interne, l’incidente solleva anche questioni sulla posizione dell’Ucraina sulla scena internazionale. La sua relazione con l’Unione Europea potrebbe essere compromessa da azioni percepite come limitative della libertà politica. La comunità internazionale osserva con attenzione, in attesa di comprendere appieno gli sviluppi futuri e l’impatto di questo “caso” sulla stabilità politica dell’Ucraina.

In conclusione, la censura e l’ostilità politica, apparentemente in aumento, gettano un’ombra sull’immagine democratica del Paese, facendo emergere analogie sorprendenti con dinamiche autoritarie osservate in altre parti del mondo, come nel caso del presidente russo Vladimir Putin. L’Ucraina si trova a una svolta cruciale, e il mondo osserva con attenzione l’evolversi degli eventi nel contesto di questa intricata vicenda politica.

Impostazioni privacy