Trump sta tornando, l’Europa si prepara alla guerra

Il ritorno alla presidenza del tycoon potrebbe non essere una buona notizia per l’Ue, che ora chiede l’esercito europeo

Mancano solo alcuni mesi alle elezioni del nuovo presidente degli Stati Uniti. Tutto fa pensare che, dato la situazione attuale, si tratterà probabilmente delle elezioni più importanti degli ultimi vent’anni.

Torna Trump: l'Europa si prepara alla guerra
Aumentano i timori per un possibile ritorno di Trump. L’Europa sembra essere sul piede di guerra (ansa) – Rationalinternational.net

Ma mentre non si è ancora aperta ufficialmente la campagna elettorale negli Stati Uniti, c’è già un favorito per la vittoria finale: Donald Trump. Nonostante la pesante sconfitta ottenuta nelle scorse elezioni, il tycoon americano si ripresenterà per riprendersi la Casa Bianca. Ma intanto in Europa ci si prepara al peggio: la guerra.

Ci attendono anni difficili

Che cosa vorrebbe dire una vittoria di Donald Trump per l’Europa? Al di là di qualsiasi simpatia e ideologia politica, un ritorno alla Casa Bianca da parte dell’ex presidente non sarebbe una buona notizia per l’Unione Europea. Questo per via delle intenzioni politiche da parte di Trump di abbandonare l’Europa a sé stessa, sia da un punto di vista energetico che da quello politico-militare. A testimoniare le preoccupazioni dell’Europa sono le dichiarazioni recenti di molti esponenti politici e militari dei Paesi del Vecchio Continente. Da settimane ormai si continua a parlare della possibilità di uno scontro militare tra la Nato e la Russia, che però avrebbe come teatro di guerra proprio l’Europa.

Torna Trump: l'Europa si prepara alla guerra
In Europa si preparano ad affrontare una guerra se Trump dovesse abbandonare l’Europa (ansa) – Rationalinternational.net

Ecco perché il ruolo degli Stati Uniti, anche in questo caso sarebbe cruciale. I rapporti tra gli americani e gli Stati europei non sono mai stati così importanti. L’asse strategico tra Ue e Stati Uniti, però, potrebbe essere fortemente indebolito da una possibile elezione di Trump. Ma non solo. Perché il tycoon si è sempre espresso contro l’utilità della Nato e ha più volte annunciato di voler uscire dall’organizzazione militare. Un vero e proprio invito a nozze per la Russia di Putin, sempre più forte sul piano militare e strategico.

La guerra in Ucraina, infatti, potrebbe presto vedere un esito in favore di Mosca. A quel punto le ambizioni di Putin potrebbero portare le forze dell’armata russa alle porte della Polonia o addirittura della Germania. Un’Europa senza Nato e senza il sostegno militare degli Stati Uniti potrebbe essere sopraffatta immediatamente. Dunque i continui richiami all’attenzione da parte dei vertici militari europei nascondono, ma non troppo, la preoccupazione che negli Stati Uniti qualcosa possa cambiare davvero. Non resta quindi che vedere quali saranno i reali esiti delle elezioni politiche americane. Intanto però l’Europa si prepara per quello che sarà uno dei suoi momenti storici più difficili in assoluto.

Impostazioni privacy