Mar Rosso, Biden non si ferma

USA contro Houthi? Biden non esclude una risposta decisa per difendere interessi strategici dell’America in caso di nuovi attacchi.

Negli ultimi giorni c’è stata un escalation di attacchi da parte degli Houthi nel Mar Rosso. Ciò ha spinto il presidente americano Joe Biden a annunciare la possibilità di nuovi raid per difendere le truppe e le attività commerciali statunitensi. Inoltre, il portavoce del Consiglio per la sicurezza nazionale, John Kirby, ha dichiarato che il presidente “non esiterebbe ad ordinare altre operazioni” in risposta a eventuali attacchi futuri da parte dei ribelli yemeniti.

Biden pronto ad agire contro gli Houthi
Biden non esita ad annunciare che agirà contro gli Houthi – ph. Ansafoto – Rationalinternational.net

 

La decisione di Biden è stata anticipata dai raid notturni congiunti tra USA e Regno Unito contro le postazioni militari degli Houthi. Questi ultimi, in solidarietà con i palestinesi di Gaza, avevano preso di mira le navi commerciali nel Mar Rosso, particolarmente quelle “legate a Israele”. Un generale americano ha confermato che i ribelli avevano già lanciato un missile antinave. Il portavoce John Kirby ha sottolineato che gli USA non cercano un conflitto con l’Iran, sebbene Teheran sia uno degli alleati degli Houthi. Ha affermato che l’Iran fornisce supporto militare al gruppo ribelle, inclusi missili e droni utilizzati negli attacchi alle navi. Kirby ha dichiarato con fermezza che l’Iran dovrebbe interrompere questo sostegno per evitare un ulteriore aumento delle tensioni nella regione.

Le preoccupazioni degli altri paesi

La reazione della comunità internazionale non si è fatta attendere. L’Italia ha condannato con fermezza gli attacchi degli Houthi contro le navi mercantili nel Mar Rosso. Infatti, in una nota diffusa da Palazzo Chigi, il governo italiano ha espresso il suo deciso sostegno al diritto di libera e sicura navigazione, in linea con le norme internazionali. L’Italia ha anche sottolineato che, di fronte al comportamento inaccettabile degli Houthi, è giusto sostenere le operazioni dei Paesi alleati che cercano di difendere le proprie imbarcazioni, salvaguardando così i flussi commerciali globali e l’assistenza umanitaria.

gli Houthi attaccano le navi nel Mar Rosso
Le azioni degli Houthi sulle navi nel Mar Rosso scatenano la reazione degli USA – ph. Ansafoto – Rationalinternational.net

 

La dichiarazione dell’Italia riflette una preoccupazione diffusa sulla necessità di proteggere la libera navigazione nelle acque internazionali e garantire la sicurezza degli scambi commerciali globali. La comunità internazionale è consapevole che il Mar Rosso è una via strategica per il trasporto di merci e petrolio, e qualsiasi minaccia a questa rotta potrebbe avere impatti significativi sull’economia globale. La situazione attuale mette in luce la complessità delle relazioni geopolitiche nella regione, con tensioni tra USA, Iran e gli Houthi. La necessità di bilanciare la difesa degli interessi nazionali con la prevenzione di un ulteriore escalation è al centro delle decisioni di politica estera.

In conclusione, la risposta decisa di Biden agli attacchi degli Houthi riflette la determinazione degli Stati Uniti nel difendere i propri interessi strategici nel Mar Rosso. Tuttavia, la comunità internazionale deve lavorare insieme per trovare soluzioni diplomatiche che evitino un ulteriore deterioramento della situazione e promuovano la stabilità nella regione.

Impostazioni privacy