Iran, navi da guerra nel Mar Rosso

Ancora tensioni nel Mar Rosso con l’inizio del 2024. Le navi da guerra si scontrano e il conflitto tra Israele ed Hamas continua.

Il primo giorno del nuovo anno è stato segnato da crescenti tensioni nel Mar Rosso, con rapporti che indicano un attacco degli Houthi a una nave statunitense e scontri in corso. Le notizie provengono dai media israeliani, che riportano un aumento della tensione nella regione. Al Jazeera, d’altra parte, sembra smentire l’attacco degli Houthi, mentre l’Iran ha schierato cacciatorpediniere nella zona, secondo quanto riferito dall’agenzia semi-ufficiale di Theran, Tasnim.

ancora tensioni nel Mar Rosso
Ci sono scontri in corso tra le navi nel Mar Rosso – Rationalinternational.net

 

Una delle principali preoccupazioni riguarda gli Houthi, ribelli yemeniti sostenuti dall’Iran, che hanno subito tre affondamenti da parte degli USA nei giorni precedenti. Questi attacchi hanno causato la perdita di vite umane tra i membri dell’equipaggio delle navi coinvolte. La situazione è in continua evoluzione, con la presenza di navi da guerra iraniane nel Mar Rosso che aggiunge ulteriori complicazioni alla già tesa regione.

Continuano i conflitti sulla Striscia di Gaza

Nel frattempo, nella Striscia di Gaza, un comandante militare di spicco di Hamas, Adel Masmah, è stato ucciso in un raid aereo israeliano a Deir el-Balah, nel settore meridionale. Masmah era il comandante locale dell’unità di élite di Hamas ‘Nukbe’ e aveva guidato personalmente un’incursione nel kibbutz Kissufim lo scorso ottobre, secondo il portavoce militare di Israele.

continuano gli attacchi a Gaza
Hamas sostiene che non libererà gli ostaggi – ph. Ansafoto – Rationalinternational.net

 

La dichiarazione di Hamas, riguardante la liberazione degli ostaggi israeliani a Gaza, evidenzia la complessità del conflitto. Il gruppo ribadisce che non rilascerà gli ostaggi finché non sarà raggiunta una completa cessazione delle ostilità. Tuttavia, l’esercito israeliano ha dichiarato che la guerra contro Hamas continuerà per l’intero anno 2024. La presenza di navi da guerra nel Mar Rosso intensifica le preoccupazioni internazionali, poiché la regione è una delle rotte marittime più cruciali al mondo. Le azioni militari in corso potrebbero influenzare non solo la stabilità regionale ma anche il commercio globale.

La comunità internazionale è chiamata a intervenire per cercare di mediare e porre fine alle ostilità nel Mar Rosso. La situazione richiede un approccio diplomatico e il coinvolgimento di attori regionali e globali per prevenire un’escalation che potrebbe avere ripercussioni su scala mondiale. Insomma, il Mar Rosso è diventato il teatro di crescenti tensioni con gli Houthi, le navi da guerra iraniane e il conflitto tra Israele e Hamas che alimentano una situazione già complessa. La comunità internazionale deve agire con urgenza per cercare una soluzione pacifica e prevenire conseguenze disastrose su scala globale.

Impostazioni privacy