Russia, vietato parlare di pace

La mancanza di pace in Russia: la censura politica e l’esclusione delle voci pacifiste dalle elezioni presidenziali.

La scena politica russa, spesso caratterizzata da un dominio consolidato, mostra segni evidenti di restrizione democratica e di una mancanza di spazio per le voci pacifiste. Un esempio lampante è rappresentato dall’esclusione della candidata pacifista Yekaterina Duntsova dalle elezioni presidenziali del 2024. Questo episodio svela una realtà in cui il dibattito aperto e la ricerca di soluzioni pacifiche sono limitati.

perché la pace è lontana in Russia
In Russia non c’è posto per le voci pacifiste – ph. Ansafoto – Rationalinternational.net

 

La Commissione elettorale russa, guidata da Ella Pamfilova, ha respinto la candidatura di Duntsova ufficialmente per “errori nei documenti”. Tuttavia, è evidente che la sua sfida diretta a Vladimir Putin, che si candida per il quinto mandato, ha contribuito in modo significativo alla sua esclusione. Il suo programma, centrato sulla promozione della democrazia e sulla fine del conflitto in Ucraina, rappresenta una minaccia per l’attuale status quo. Il fatto che Putin sia disposto a considerare un cessate il fuoco in Ucraina potrebbe sembrare un segno di possibile apertura alla pace. Tuttavia, la realtà politica interna suggerisce il contrario. La censura politica si manifesta non solo nell’esclusione di Duntsova, ma anche nell’assenza di un dibattito aperto sulle politiche di pace.

La censura politica in Russia

L’aspetto paternalistico del commento di Pamfilova sulla giovane età di Duntsova riflette una dinamica che va oltre la mera politica. La politica russa sembra permeata da una mentalità che cerca di mantenere lo status quo, relegando le voci discordanti e progressiste a un ruolo marginale. La decisione di Pamfilova può essere interpretata come un tentativo di limitare la diversità di opinioni all’interno del processo politico. 

esclusa la candidata pacifista
Yekaterina Duntsova fa ricorso dopo essere stata esclusa dalle elezioni presidenziali – ph. Ansafoto – Rationalinternational.net

 

Duntsova d’altro canto ha annunciato il suo ricorso alla Corte Suprema. Questo dimostra che la sua lotta per la partecipazione politica non è finita. Tuttavia, il suo appello ai dirigenti del partito liberale Yabloko evidenzia la necessità di un sostegno ampio per contrastare le forze ostili a un cambiamento significativo. La richiesta di poter scegliere da parte dei cittadini russi sottolinea l’importanza di preservare la democrazia e il diritto di esprimere opinioni diverse.

La presentazione di Boris Nadezhdin come candidato del partito di centrodestra Iniziativa Civica rappresenta un altro aspetto della politica russa. Questo aspetto solleva interrogativi sulla reale pluralità e democrazia nel processo elettorale. Mentre alcuni politici si schierano a favore della fine del conflitto in Ucraina e della normalizzazione delle relazioni con l’Europa, altri partiti sembrano allineati in modo acritico con Putin, creando un’arena politica polarizzata. Il Partito Comunista Russo, pur essendo sulla carta all’opposizione, presenta un candidato senza concorrenti reali, riflettendo un sistema politico in cui le forze di opposizione sembrano troppo spesso sottomesse. La mancanza di alternative significative mina la vitalità della democrazia, limitando le scelte degli elettori e favorendo un monologo politico controllato dall’attuale leadership.

In conclusione, la situazione politica in Russia riflette una realtà in cui la discussione sulla pace è ostacolata e la diversità di opinioni è soffocata. L’esclusione della candidata pacifista Duntsova rappresenta un esempio eloquente di come le voci dissonanti siano messe da parte, minando il fondamento stesso della democrazia. Affrontare le sfide della politica estera, come il conflitto in Ucraina, richiede una discussione aperta e inclusiva, elementi che sembrano mancare nella realtà politica russa attuale.

Impostazioni privacy