Trump vuole gli Usa fuori dalla Nato

Se Trump tornasse farebbe uscire gli USA dalla NATO. In risposta a questa eventualità il Congresso ha preso già provvedimenti.

Il 14 dicembre, il Congresso degli Stati Uniti ha varato un provvedimento storico. Esso impedisce a qualsiasi presidente di revocare l’adesione degli Stati Uniti alla NATO senza l’approvazione del Senato o un atto del Congresso. Il disegno di legge è stato inserito nel National Defense Authorization Act, la legge annuale di bilancio della Difesa. E resta in attesa della firma del Presidente Joe Biden.

Trump vuole USA fuori dalla NATO
Un possibile ritorno di Trump significherebbe l’uscita degli USA dalla NATO? – ph. Ansafoto – Rationalinternational.net

 

La mossa è la risposta alle preoccupazioni crescenti riguardo a un possibile ritorno di Donald Trump alla Casa Bianca nel 2024. Durante il suo primo mandato infatti, Trump aveva manifestato ripetutamente la sua critica nei confronti della NATO. Il disegno di legge stabilisce chiaramente che ‘nessun presidente potrà sospendere, porre fine, denunciare o ritirarsi dalla NATO senza un atto del Congresso’. Inoltre richiede l’approvazione di almeno 2/3 del Senato degli Stati Uniti. Inoltre, sottolinea che un presidente deve avvisare il Congresso almeno 180 giorni prima di intraprendere un piano di ritiro.

Cosa comporterebbe il ritorno di Trump

Il contesto politico in cui si è sviluppato questo provvedimento è particolarmente significativo, dato che Donald Trump è considerato il favorito nelle elezioni del 2024 secondo alcuni sondaggi. Alcuni membri del Congresso ritengono che una possibile vittoria di Trump potrebbe mettere a rischio la coesione della NATO. Quindi  hanno fatto in modo da rendere blindata la posizione degli Stati Uniti all’interno dell’Alleanza. La legge è stata approvata con un voto bipartisan di 310 contro 118, indicando un sostegno significativo da entrambe le parti politiche.

disegno legge dal Congresso degli Stati Uniti
Il nuovo disegno legge aspetta di essere firmato da Biden – ph. Ansafoto – Rationalinternational.net

 

Il senatore Tim Kaine, uno dei promotori del provvedimento, ha sottolineato che la NATO è rimasta forte in risposta alle sfide globali, come la guerra di Putin in Ucraina e le crescenti minacce in tutto il mondo. Purtroppo però, durante il suo primo mandato, Trump aveva già criticato i finanziamenti degli alleati. Li definì insufficienti, e minacciò il ritiro degli Stati Uniti dall’organizzazione. In seguito ambasciatori europei e figure di alto livello si sono recati negli Stati Uniti per comprendere le intenzioni di Trump. L’Europa, quindi, teme che un secondo mandato di Trump possa portare all‘abbandono della NATO da parte degli Stati Uniti, rappresentando un fallimento storico e strategico.

Questa legislazione evidenzia l’importanza della NATO come pilastro della sicurezza internazionale. Il Congresso ha agito per impedire decisioni unilaterali sul ritiro dall’Alleanza. Ha cercato quindi di garantire una posizione stabile degli Stati Uniti nel contesto geopolitico. Il destino della NATO e la sua capacità di adattarsi alle sfide globali dipenderanno non solo dalla legislazione in atto ma anche dagli sviluppi futuri nella politica statunitense. Mentre l’attenzione si concentra su un possibile “Trump bis”, la comunità internazionale osserva da vicino, consapevole dell’importanza di un’Alleanza atlantica coesa per affrontare le sfide del XXI secolo.

Impostazioni privacy