Si ritrova a Los Angeles, non sa come

Prende un volo e arriva negli Stati Uniti, ma non riesce a spiegare nemmeno lui come abbia fatto a salire a bordo

L’episodio è accaduto all’economista russo Sergey Vladimirovich Ochigava. L’uomo si è infatti imbarcato su un volo diretto agli Stati Uniti senza biglietto o passaporto.

Si ritrova a Los Angeles, non sa come
Salito a bordo senza passaporto e biglietto (Ansa) – Rationalinternational.net

Al suo arrivo nemmeno lui riusciva a spiegare come avesse fatto. Era arrivato negli Stati Uniti, senza però essere in grado dire come . Arrivato all’aeroporto di Losa Angeles è apparso visibilmente disorientato. Ecco che cosa è successo.

“Non so come ho fatto”

L’uomo è riuscito a salire su un volo della compagnia aerea Scandinavian Airlines. Il volo partiva da Copenaghen ed era diretta a Los Angeles. Nulla di strano, fino ad ora, ma in realtà Sergey Vladimirovich  era riuscito a salire a bordo senza avere il biglietto. Inoltre, l’economista era sprovvisto di passaporto e non vi era alcuna registrazione che faceva pensare ad una prenotazione del volo. Al suo arrivo, Vladimirovich  ha riferito di “non ricordare” il modo in cui sia riuscito a superare i controlli all’imbarco e il mistero si è infittito ulteriormente. Una storia che ha attirato subito l’attenzione dell’FBI, che ha accusato l’uomo di essere un clandestino.

Si ritrova a Los Angeles, non sa come
Non è riuscito a dare spiegazioni alle autorità (Ansa) – Rationalinternational.net

Tuttavia, Vladimirovich ha usufruito di tutti i servizi previsti a bordo e ha viaggiato comodamente insieme agli altri passeggeri. Interrogati dagli uomini dell’FBI americana, il personale di volo ha riferito che non sembrava esserci nulla di anomalo nel comportamento dell’uomo russo-israeliano. Tuttavia, secondo quanto riferito dallo staff, Vladimirovich avrebbe cercato di cambiare posto sull’aereo in diversi punti durante il volo. Al suo arrivo a Los Angeles, l’economista si è recato come di consueto alla dogana, ma è stato fermato dagli agenti di polizia. Alla sicurezza ha spiegato che il suo passaporto si trovava a bordo dell’aereo. Cosa che si è rivelata essere non vera, in quanto a bordo non è stato trovato alcun documento di identità dell’uomo.

Tuttavia, dopo la perquisizione delle borse che aveva con sé, gli agenti dell’FBI hanno scoperto “carte d’identità russe e israeliane“. Inoltre, queste erano accompagnate da una fotografia dal formato utilizzato per i documenti di identità, come il passaporto. A seguito dell’interrogatorio, Vladimirovich ha dichiarato di non capire cosa stesse succedendo e di non aver dormito per tre giorni di seguito. L’uomo ha poi riferito di non ricordare come fosse riuscito a salire sull’aereo, dicendo di non sapere come ci sia riuscito senza biglietto.

Il suo smartphone, sequestrato dalle autorità, ha rivelato foto di tabelloni che mostravano orari e informazioni relativi a voli di tutto il mondo. C’erano anche screenshoot di Google Maps relative ad un ostello di Kiel e ad una strada in Germania. La compagnia Scandinavian Airlines ha fatto sapere che il caso è gestito “dalle autorità competenti sia negli Stati Uniti che in Danimarca”.

Impostazioni privacy