Bassetti annuncia un Natale da schifo

Per l’infettivologo durante il prossimo Natale potremmo andare in contro ad un nuovo aumento di contagi da Covid

Sebbene il pericolo maggiore sia passato, il Covid non è andato via e, anzi, continua ad essere particolarmente presente nel nostro Paese.

Bassetti annuncia un Natale da schifo
Per l’infettivologo, il nostro non sarà un Natale semplice (Ansa) – Rationalinternational.net

Con l’arrivo della stagione invernale e il conseguente abbassamento delle difese immunitarie, anche il Coronavirus torna a far paura. Potrebbe infatti essere un Natale in cui fare moltissima attenzione. A lanciare l’allarme è l’infettivologo Bassetti.

“Rischiamo un picco di contagi”

Non è una situazione tranquilla quella dei contagi da Covid in Italia. Il più recente monitoraggio Fiaso ha infatti rilevato un aumento del numero dei pazienti Covid ricoverati in ospedale. Una crescita del 32%. Si tratta di cifre piuttosto allarmanti che non fanno ben sperare per il prossimo futuro. Ad alzare la soglia di attenzione è l’infettivologo Matteo Bassetti, in prima linea durante la pandemia da Covid del 2020.

Bassetti annuncia un Natale da schifo
Un aumento di casi preoccupante (Ansa) – Rationalinternational.net

Secondo l’infettivologo, intervistato da Fanpage, si sta assistendo ad un considerevole aumento dei contagi, come certificato dal monitoraggio Fiaso. Per ora, ricorda l’infettivologo, non stiamo assistendo ad una reale pressione sugli ospedali italiani, tuttavia gli indicatori parlano di un aumento della circolazione del virus. I dati medici dicono che la popolazione “generale” ha un quadro clinico – dovuto all’infezione – che ha una durata di pochi giorni. Ma l’allarme è soprattutto per la popolazione anziana, ovvero gli over 80. In questi casi, ricorda l’infettivologo, un’infezione da Covid potrebbe presentare un pericolo che porta anche anche al ricovero o ad un aggravamento.

Informazioni da non sottovalutare, quindi, visto il periodo dell’anno – pienamente autunnale – in cui i primi freddi iniziano a farsi sentire e le nostre difese immunitarie si abbassano. Una situazione in cui, oltre al Covid, inizia a farsi vedere anche l’influenza. Anche in questo caso questo virus rappresenta un pericolo da non sottovalutare, a maggior ragione se si tratta di pazienti over 80. Ecco perché l’infettivologo Bassetti spinge per una maggiore sensibilizzazione sulla campagna di vaccinazione. Attualmente sono moltissimi i cittadini over 70 che rifiutano la vaccinazione gratuita. I dati suggeriti dal rapporto Fiaso, infatti, parlano di una campagna vaccinale ferma al 4%. Tuttavia, come ricorda il professor Bassetti, la maggior parte dei ricoveri riguarda persone ultraottantenni.

in molti casi si tratta di persone vaccinate l’ultima volta nel 2021, durante il primo ciclo vaccinale. Un periodo troppo lungo che ha lasciato questi pazienti scoperti e privi di molte difese contro un virus che, purtroppo, c’è ancora e continua a far parlare di sé.

Impostazioni privacy